04 Luglio 2020
News
percorso: Home > News > News generiche

Coronavirus, autocertificazione, congiunti, seconde case: ecco quello che il governo deve chiarire

02-05-2020 11:04 - News generiche
Modulo di autocertificazione, congiunti, spostamenti, mascherine: entro domenica 3 maggio 2020 il governo dovrà chiarire una serie di disposizioni contenute nel Dpcm che entra in vigore lunedì 4 maggio 2020 e apre la “fase 2”. Il testo del decreto è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale, ma l’ufficio legislativo di Palazzo Chigi potrebbe fare alcune precisazioni pubblicando alcune Faq (risposte a domande frequenti) sul sito del governo. Soltanto dopo il ministero dell’Interno invierà a prefetti e questori la circolare per l’effettuazione dei controlli sul rispetto delle nuove norme. E dunque bisognerà fornire chiarimenti affinché i cittadini non rischino la multa per non aver rispettato le nuove norme.

Chi sono i congiunti
Il nuovo provvedimento prevedete chi si possa uscire per quattro motivi:
1. Comprovate esigenze lavorative
2. Situazioni di necessità
3. Motivi di salute
4. Visite ai congiunti
Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha dichiarato che tra i “congiunti” sono compresi gli «affetti stabili». Il viceministro della Salute Pierpaolo Sileri ha detto che tra i “congiunti” ci sono anche gli «amici». Dunque nel testo o nelle Faq si dovrà inserire la lista dei “congiunti” ai quali si può fare visita.

Identità dei congiunti
Per motivi di privacy non dovrà essere indicata nel modulo l’identità dei “congiunti”. È un altro aspetto che dovrà essere specificato.
Spostamenti nella Regione
Nel decreto gli spostamenti sono consentiti all’interno della Regione. Dovrà essere chiarito se le visite ai congiunti che vivono fuori dal proprio Comune di residenza devono svolgersi in giornata o se invece si può rimanere più di un giorno.

Seconde case
Sono consentiti gli spostamenti all’interno della propria Regione e il ritorno presso il domicilio. Si dovrà dunque chiarire se rimane il divieto di trasferirsi presso le “seconde case”.

Le passeggiate
Secondo il decreto si può andare a passeggiare anche lontano dalla propria abitazione. Dunque si deve chiarire se è necessaria l’autocertificazione.

Sport all’aria aperta
Il decreto consente attività motoria all’aperto anche lontano dalla propria abitazione e senza autocertificazione. Si deve chiarire se ci saranno limitazioni.

Autocertificazione
L’orientamento del Viminale è quello di non stampare un nuovo modulo e consentire ai cittadini di utilizzare il vecchio modulo per l’autocertificazione. Palazzo Chigi dovrà confermare che le correzioni sul vecchio modulo sono valide.



Fonte: corriere.it

Realizzazione siti web www.sitoper.it
close
ACCEDI

NON SONO REGISTRATO

crea account